Accademia

ACCADEMIA DI ALTO PERFEZIONAMENTO PER CANTANTI LIRICI 2021/2022

Al via la seconda edizione dell’Accademia di alto perfezionamento e inserimento professionale per cantanti lirici del Teatro Carlo Felice, con la direzione artistica di Francesco Meli.

Il corso di questa edizione è  finalizzato anche all’inserimento professionale nei cast dell’opera
Il Turco in Italia di Gioachino Rossini che verrà allestita nel giugno 2022 al Teatro Carlo Felice.

Saranno selezionati n. 9 giovani cantanti in possesso di adeguate qualità artistiche e vocali, ai quali sarà offerta l’opportunità di consolidare e perfezionare, sotto la guida di Artisti di livello internazionale, i diversi aspetti vocali,  musicali e teatrali che caratterizzano il moderno cantante d’Opera.

L’Accademia ha lo scopo di offrire un ciclo formativo completo, così da valorizzare le nuove generazioni di cantanti anche attraverso

il debutto nelle stagioni liriche genovesi. Il Teatro Carlo Felice, i docenti dell’Accademia e il direttore artistico credono fermamente nel progetto di dare concrete opportunità professionali alle nuove leve e credono nel futuro dell’Opera.

La scadenza di presentazione della domanda di ammissione è fissata entro le ore 23.59 del 30 novembre 2021.

Per tutte le informazioni: T 010 53 81 778 accademia@carlofelice.it

La scadenza di presentazione della domanda di ammissione è fissata entro le ore 23.59 del 30 novembre 2021.

Il bando è consultabile (Bando accademia)

Domanda di ammissione (Domanda-selezione-accademia)

L’albo 2021: gli allievi della scorsa edizione 

BANDO ACCADEMIA 2022

La Fondazione Teatro Carlo Felice di Genova dichiara aperte le iscrizioni alla selezione per l’ammissione all’Accademia di alto perfezionamento ed inserimento professionale per cantanti lirici 2022. L’iscrizione e la frequenza all’Accademia sono totalmente gratuite. Per informazioni: accademia@carlofelice.it

FINALITÀ  DELL’ACCADEMIA
L’Accademia istituisce un corso di alto perfezionamento per cantanti lirici, finalizzato anche all’inserimento professionale nei cast dell’opera Il Turco in Italia di Gioachino Rossini che verrà allestita nel giugno 2022 al Teatro Carlo Felice.

Saranno selezionati n. 9 giovani cantanti in possesso di adeguate qualità artistiche e vocali, ai quali sarà offerta l’opportunità di consolidare e perfezionare, sotto la guida di Artisti di livello internazionale, i diversi aspetti vocali,  musicali e teatrali che caratterizzano il moderno cantante d’Opera.

REQUISITI DI AMMISSIONE

  • Il corso è aperto solo ai maggiorenni nati a partire dall’1 gennaio 1992 (fa eccezione il ruolo di Selim, basso, per il quale il corso è aperto solo ai maggiorenni nati a partire dall’1 gennaio 1990) in possesso della cittadinanza italiana o di un Paese dell’Unione Europea; sono ammessi alla selezione anche cittadini di Paesi non appartenenti all’Unione Europea regolarmente soggiornanti in Italia e in possesso di permesso di soggiorno o visto di ingresso per studio in corso di validità alla data della selezione e di inizio delle lezioni. L’ammissione all’Accademia è subordinata al rispetto di tutte le procedure previste dalla vigente normativa per l’ingresso e l’impiego in Italia di cittadini extracomunitari;
  • godimento dei diritti civili e politici;
  • avere un’adeguata conoscenza della lingua italiana, se cittadino straniero.

I requisiti per la partecipazione alla selezione debbono essere posseduti dai partecipanti alla data di scadenza della presentazione della domanda.

STRUTTURA DEI CORSI
La frequenza ai corsi è a tempo pieno ed è obbligatoria.
Pertanto il periodo di frequenza è incompatibile con altri impegni di studio, professionali e/o artistici che abbiano carattere continuativo.
Il rilascio di eventuali permessi artistici dovrà essere preventivamente autorizzato dalla Direzione dell’Accademia.
Le lezioni si distribuiranno indicativamente su 5 giorni a settimana, per un impegno massimo giornaliero di 8 ore.

Il programma didattico prevede i seguenti moduli:

1) TECNICA VOCALE;
2) STUDIO DELLO SPARTITO;
3) INTERPRETAZIONE DEL REPERTORIO OPERISTICO;
4) TECNICHE DELL’ESPRESSIONE CORPOREA E MOVIMENTO SCENICO.

I docenti principali sono: FRANCESCO MELI (Direttore artistico dell’Accademia), DAVIDE CAVALLI (Responsabile musicale dell’Accademia), VITTORIO TERRANOVA, ANTONELLA D’AMICO, ROBERTO DE CANDIA, ELIZABETH NORBERG SCHULZ, SILVIA PAOLI e SERENA GAMBERONI (Responsabile della segreteria organizzativa dell’Accademia).
Al termine dei corsi la Direzione dell’Accademia si riserva di valutare per ciascun partecipante – previa eventuale verifica didattico professionale – un ulteriore anno di specializzazione, integrato con l’attività di produzione del Teatro e dell’Accademia.

SEDE DEI CORSI
I corsi si terranno all’interno della FONDAZIONE TEATRO CARLO FELICE a Genova.

NUMERO DI PARTECIPANTI
I nove partecipanti ammessi ai corsi saranno così suddivisi:
n. 2 tenori per il ruolo di Narciso;
n. 2 soprani per il ruolo di Fiorilla;
n. 2 bassi per il ruolo di Selim;
n. 1 baritono per il ruolo di Prosdocimo;
n. 2 bassi/baritoni per il ruolo di Geronio.

DOMANDA D’AMMISSIONE
Il modulo per la domanda di ammissione è scaricabile al seguente link:
http://www.carlofelicegenova.it/audizioni-e-concorsi-2/

Esso dovrà essere debitamente compilato e spedito all’ indirizzo accademia@carlofelice.it entro le ore 23.59 del 30 novembre 2021.

Alla domanda dovrà essere allegata, pena esclusione, la seguente documentazione:

  • copia fronte e retro di un documento di riconoscimento (carta di identità o passaporto) in corso di validità;
  • una fotografia digitale a mezzo busto e una a figura intera;
  • link o file video riportante la registrazione da parte del candidato di un’aria a scelta;
  • per i candidati cittadini extra UE, copia del permesso di soggiorno in corso di validità.

 

La registrazione video dovrà essere di buona qualità audio e non dovrà superare la durata di 10 minuti.
Il file video potrà essere inviato tramite una piattaforme di file sharing (es. wetransfer, filemail,  dropbox, ecc.) sempre all’indirizzo di posta elettronica sopraindicato.

PRESELEZIONE
La preselezione consisterà nella valutazione della registrazione inviata con la domanda d’ammissione.
Tale valutazione avverrà ad insindacabile giudizio della Commissione istituita dal Direttore Artistico, composta da artisti e professionisti del settore.

SELEZIONE
La selezione avrà luogo, alla presenza di una commissione appositamente istituita, presso il Teatro Carlo Felice di Genova indicativamente nella seconda settimana di gennaio 2022; la relativa convocazione, con indicazione di luogo e orari, verrà inviata a mezzo e-mail entro il 31 dicembre 2021 a ciascun candidato che avrà superato la preselezione.
I candidati dovranno presentare n. 1 aria d’opera a scelta (completa di recitativo se previsto), oltre al ruolo per cui si intende candidarsi.
Nell’esecuzione saranno ammessi i tagli di tradizione.
Si specifica che l’audizione è da tenersi integralmente a memoria.
L’Accademia metterà a disposizione dei candidati un Maestro Collaboratore per l’esecuzione del programma presentato preceduto da una breve prova.
Il candidato dovrà fornire lo spartito dell’aria a scelta che intende portare.
È consentito al candidato  farsi accompagnare da un pianista di sua scelta; in questo caso nessun onere o spesa potrà essere richiesto alla Fondazione.
La Commissione esaminatrice avrà la facoltà di ascoltare integralmente o in parte il programma presentato.
Il candidato potrà sostenere la selezione per più di un ruolo.
Il giudizio sarà espresso sulla base dei seguenti criteri di valutazione: qualità della voce, preparazione tecnica e musicale, interpretazione, stile, presenza scenica e dizione.

AMMISSIONE ALL’ACCADEMIA
L’ammissione all’Accademia verrà stabilita in base alla graduatoria finale di idoneità, stilata dalla Commissione esaminatrice, a suo insindacabile giudizio.
I candidati dichiarati idonei, ma non ammessi, potranno subentrare agli allievi effettivi in caso di rinuncia da parte di questi ultimi.
Ai candidati ammessi sarà inviata convocazione a mezzo posta elettronica indicante data e orario di inizio corsi (indicativamente dopo il giorno 21 marzo 2022)

INCENTIVI A FAVORE DEI CANDIDATI AMMESSI ALL’ACCADEMIA
Ai candidati ammessi verrà messo a disposizione un alloggio, limitatamente ai mesi effettivi di frequentazione e sarà fornito, nei giorni di frequenza, un pasto in un locale convenzionato.
Inoltre, è prevista l’erogazione di una borsa di studio mensile di Euro 800,00 lordi, vincolata all’effettiva presenza e limitatamente alla durata dei corsi.

TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI
Ai sensi del Regolamento Europeo UE 2016/679 i dati personali forniti dai candidati nelle domande d’ammissione alla selezione saranno raccolti presso la Fondazione Teatro Carlo Felice di Genova per le finalità di gestione relative all’audizione e all’eventuale partecipazione ai corsi.
Le graduatorie potranno essere rese pubbliche mediante affissione nelle bacheche del Teatro e/o pubblicazione nel sito della Fondazione.
Il titolare tratterà i dati personali per un tempo non superiore a quello necessario alle finalità per le quali sono stati raccolti. Maggiori informazioni in merito al periodo di conservazione dei dati e ai criteri utilizzati per determinare tali periodi possono essere richiesti contattando il responsabile della protezione dei dati.
L’interessato può far valere i diritti di cui agli artt. 15-21 del Regolamento UE, ovvero: il diritto di accesso ai dati, di rettifica e il diritto alla cancellazione (“diritto all’oblio”) degli stessi, il diritto di limitarne il trattamento, il diritto alla portabilità, il diritto di opposizione al trattamento. Ai sensi della normativa applicabile, ha in ogni caso il diritto di proporre reclamo all’autorità di controllo competente (Garante per la Protezione dei Dati Personali) qualora ritenesse che il trattamento dei suoi dati personali sia contrario alla normativa vigente.

Le richieste vanno rivolte al Responsabile della Protezione dei Dati, il Dott. Paolo Tixi:
all’indirizzo e-mail rpd@carlofelice.it;
oppure
raccomandata che dovrà essere spedita all’indirizzo Fondazione Teatro Carlo Felice Passo Eugenio Montale, 4 – 16121 Genova – Italia.

Genova, 25 settembre 2021

I DOCENTI DELL’ACCADEMIA DI ALTO  PERFEZIONAMENTO E INSERIMENTO PROFESSIONALE PER CANTANTI LIRICI 2021

Vittorio Terranova ha studiato al  Liceo musicale “Vincenzo Bellini” di Catania, presso il Conservatorio “G. Verdi” di Milano, presso la Scuola di Paleografia Musicale di Cremona (Università di Pavia). Ha frequentato corsi di dizione, scenotecnica e recitazione di E.N.A.L..

Ha vinto il concorso AS.LI.CO. a Milano e ha fatto il suo debutto al Teatro Sociale di Mantova nel ruolo di Arturo Talbot nell’Opera “I Puritani” di Vincenzo Bellini. Ha cantato in quasi tutti i teatri lirici d’Italia, tra cui Teatro alla Scala di Milano e di altri paesi (Staatsoper di Vienna, Deutsche Oper a Berlino, Nationaltheater di Monaco, etc.)

Già titolare di cattedra di canto lirico presso il Conservatorio di Musica “G. Verdi” di Milano e Coordinatore del Dipartimento di canto e teatro musicale al Conservatorio di Musica “G. Verdi” di Milano. Docente e coordinatore del corso di perfezionamento di canto lirico presso l’Accademia “G. Marziali” di Seveso (Mi). Tiene corsi di canto lirico in estate a Deutschlandsberg (Austria), dove è il direttore artistico di “Accademia del Belcanto I.S.O.” e del Concorso Internazionale di Canto Lirico “Ferruccio Tagliavini”. Docente di Canto lirico in Giappone “College of Music” di Osaka, in “Music Academy Musashino” di Tokyo e presso l’Università “Mukogawa” di Osaka, Elisabeth Musica dell’Università di Iroshima, Keimyung University, Università Cattolica, a Daegu Corea, Accademia del Comunale di Bologna, Accademia del Maggio Musicale Fiorentino a Firenze, Accademia Fondazione Paolo Grassi di Martina Franca, Spagna, Venezuela, Ungheria, Cina.

Elizabeth Norberg-Schulz ha studiato al Conservatorio di Santa Cecilia di Roma, perfezionandosi  in seguito con Rosina Vedrani Laporta, Hans Hotter, Peter Pears ed Elizabeth Schwarzkopf.

Dopo aver vinto diversi concorsi internazionali, tra cui il “ Mozart Wettbewerb “ di Saliburgo, il “Belli” di Spoleto e il Concorso Internazionale per canto lirico e da Camera della Radio Bavarese, ha intrapreso un’intensa carriera internazionale in ambito concertistico e teatrale.

Dal 2006 è docente in canto presso l’università di Stavanger in Norvegia e alla KHIO, Accademia dell’Opera di Oslo. Inoltre è regolarmente invitata a tenere masterclass presso le maggiori Università ed istituzioni musicali tra cui L’Accademia Filarmonica Romana, il Conservatorio di Santa Cecilia, The University of Nanjng in Cina e il Conservatorio Nazionale di Beirut, Libano.

Giulio Zappa  compie i suoi studi musicali sotto la guida di Oleg Marshev, diplomandosi in Pianoforte col massimo dei voti e la lode. Si forma come pianista accompagnatore di repertorio a Milano, nella classe di canto di Bianca Maria Casoni. Si perfeziona poi con Aldo Ciccolini e Irwin Gage, con quest’ultimo nel repertorio di musica vocale da camera.

Dal 1996 svolge intensa attività concertistica in tutto il mondo, oltre ad essere frequentemente invitato in veste di vocal coach – maestro collaboratore, in numerosi teatri e festival d’Europa ed Asia come l’Opera National Bordeaux, il Seoul Art Center, il Teatro Real Madrid, il Rossini Opera Festival di Pesaro, il Conservatorio Verdi di Milano, il Teatro alla Scala, la Wiener Staatsoper, la Biwako Hall e la Saint Petersburg Philharmonia, tra gli altri.

Negli ultimi anni si è dedicato con successo all’insegnamento di pianisti accompagnatori e cantanti, ed è stato invitato da diverse istituzioni.

Dal 2013 è direttore artistico Opera Estudio, un progetto per la scoperta di giovani talenti lirici a Tenerife.

Roberto De Candia dopo aver iniziato gli studi come violoncellista, ha studiato canto sotto la guida di Lajos Kozma e Sesto Bruscantini. Vincitore del Concorso Internazionale “A. Belli” di Spoleto nel 1990, ha compiuto subito due prestigiosi debutti, all’Accademia Nazionale di Santa Cecilia di Roma (Messa di Gloria di Puccini) e al Teatro Regio di Parma (Manon).

Le sue doti lo avviano in breve a una fortunata carriera internazionale che l’ha condotto sui palcoscenici delle maggiori istituzioni musicali del mondo, fra le quali Teatro alla Scala, Covent Garden Londra, Metropolitan Opera, Wiener Staatsoper, Salzburg Festival.

La sua vasta discografia include Corradino di Galante, Saffo di Pacini, la Messa di Gloria di Mascagni, La cenerentola (ROF Edition), oltre a Il turco in Italia (vincitore del Gramophone Award) e La bohème, in entrambi i casi con la direzione di Riccardo Chailly per Decca.

Negli ultimi anni affianca la carriera solistica a quella di docente in prestigiose istituzioni musicali italiane quali l’Associazione Lirica Concertistica Italiana (As.Li.Co), l’Accademia Verdiana di Parma e i Conservatori “N. Piccinni” di Bari e “Arrigo Boito” di Parma.

Antonella D’Amico nata ad Ostuni (BR), intraprende la formazione musicale sin da bambina con lo studio del violino presso il liceo musicale di Taranto e iniziando più tardi, sempre presso lo stesso istituto, quello del canto, diplomandosi a pieni voti.

Prosegue la preparazione tecnico artistica con il soprano Ileana Coutrubas e partecipa a vari cosi di perfezionamento tenuti da maestri e cantanti di chiara fama, tra cui L.Cioni, F. Matteucci, K. Misirkov, G. Dimitrova.

Nel 1998, accompagnata dall’orchestra Verdi di Milano incide per la casa discografica Agorà l’Oratorio di Sant’Agostino.

In collaborazione con l’Opera di Monte-Carlo e le scuole di Principato di Monaco debutta i ruoli di Fiordiligi nel “Così fan Tutte” e della Contessa ne “Le nozze di Fi-garo” di Mozart.

Nel 1999 è in cartellone alla Salle Garnier di Monte-Carlo con il ruolo di Frasquita nella Carmen di Bizet, allestimento portato in trasferta in Giappone nel 2000.

Nello stesso anno comincia il sodalizio con l’Orchestra e il Coro “ I Filarmonici di Verona”, producendosi in “Messa di Requiem” di G. Verdi, poi Forza del Destino” di G. Verdi.

Nel 2001 è stata Leonora nella Forza del Destino allestita a Busseto in occasione delle Celebrazioni Verdiane con la supervisione del Maestro Carlo Bergonzi, ancora Leonora ne “Il Trovatore”, nel 2003 è Norma nell’opera omonima di Bellini, Liù nelle Turandot di G. Puccini, nel 2005 Nedda in “Pagliacci” di Leoncavallo, nel 2006 Manon nella Manon Lescaut di Puccini, nel 2007 Gioconda nell’opera omonima di Ponchielli, nel 2008 Tosca e nel 2009 Odabella nell’Attila di Verdi.

Negli ultimi anni si è dedicata sempre di più all’insegnamento della tecnica vocale ai giovani cantanti lirici, seguendoli con passione e dedizione.

Serena Gamberoni dopo avere iniziato lo studio del Violino e del Canto lirico al Conservatorio di musica “F. A. Bonporti” di Trento, sceglie ancora giovanissima di proseguire sulla strada del canto, perfezionandosi con vari artisti e approdando infine nella classe di Lella Cuberli.

La sua carriera inizia nel 2000, quando vince contemporaneamente diversi premi, compreso il Concorso Europeo As.Li.Co. per entrambi i ruoli richiesti, Adina in Elisir d’Amore e Sophie in Werther.

Ha debuttato giovanissima al Teatro Carlo Felice di Genova nel 2004 come Giannetta ne L’Elisir d’amore, e vi è poi tornata per interpretare Susanna ne Le nozze di Figaro durante l’anno mozartiano nel 2005, quindi Oscar, Norina, Mimì, Micaela e Donna Anna.

Dopo aver inaugurato la stagione al Teatro San Carlo di Napoli sotto la bacchetta di Jeffrey Tate, ha debuttato alla Scala e al Covent Garden in nuove produzioni di Un Ballo in Maschera, cantando nel ruolo di Oscar anche all’Opera di Roma ed alla Fenice.

Da qualche anno il suo repertorio si è ampliato e radicato sempre di più sui ruoli lirici di Mimì, Liù, Contessa della Nozze di Figaro dapprima a Firenze e poi a Ravenna con il Maestro Muti, Amelia, Alice e Desdemona.

Oltre che Docente, è la Responsabile dell’Accademia di alto perfezionamento vocale e inserimento professionale per giovani cantanti lirici del Teatro Carlo Felice.

Silvia Paoli nasce a Firenze e si diploma come attrice all’Accademia d’Arte Drammatica Paolo Grassi di Milano. Comincia a lavorare come attrice con Peter Stein, successivamente collabora con registi come Paolo Rossi, Damiano Michieletto, M. Schmidt, S.Barbarino,F. Brandi, A. Milenin, I. Konyaev in produzioni italiane e internaziona-li.

Si avvicina al teatro d’opera come assistente di Damiano Michieletto in diverse pro-duzioni al Rof di Pesaro, Zurigo e Vienna.

Il debutto come regista d’opera avviene nel 2014 all’Auditorium di Tenerife con Ce-nerentola, a cui seguono nel 2015 Le Nozze di Figaro e nel 2017 Capuleti e Montec-chi.

Nel gennaio 2016 cura la messa in scena di Turandot mentre al Maggio Musicale Fiorentino firma la regia di Vent du Soir di Offenbach.

Nel 2017 suo debutta alla Royal Opera House di Muscat con The Moth Princess. Il 2018 la vede impegnata in Otello per Progetto 200.com al Sociale di Como, e con Enrico di Borgogna al Festival Donizetti a Bergamo.

Nel 2014 la sua passione per il teatro e l’opera la porta ad istituire un metodo perso-nale ed innovativo di approccio alla scena per giovani cantanti lirici che la vede pre-sto richiesta dai più grandi teatri e festival internazionali.

Daniele Callegari è nato a Milano e ha studiato contrabbasso e percussioni al Conservatorio Della sua città. A soli 22 anni entra a far parte dell’Orchestra del Teatro alla Scala, dove lavorerà per 12 anni, suonando sotto la direzione dei più prestigiosi direttori d’orchestra: è questa la molla che lo spinge a diplomarsi in Composizione e Direzione d’orchestra.

A partire dagli anni ’90, la sua carriera si sviluppa nei più importanti teatri in Italia e all’estero, fino a farlo diventare in breve tempo uno dei più importanti direttori della sua generazione. È stato invitato dai maggiori teatri e dalle più prestigiose sale da concerto del mondo, come la Carnegie Hall di New York, il Concertgebouw di Amsterdam, la Bayerische Staatsoper di Monaco, la Deutsche Oper e la Staatsoper di Berlino, il Teatro alla Scala.

Antonella Giusti si è laureata in Medicina e Chirurgia presso l’Università di Pisa nel 1988. Ha conseguito la specializzazione in otorinolaringoiatria presso l’Università di Genova nel 1991 e successivamente la specializzazione in Foniatria nel 2002 presso l’Università di Milano.

Esperta in Vocologia Artistica, da libero professionista collabora come consulente con prestigiose strutture riabilitative liguri come l’Istituto Maugeri e l’Istituto Cardiovascolare ISCC di Camogli.

È docente del Corso di Laurea in Logopedia dell’Università degli studi di Genova.

Francesco Meli è uno dei tenori più acclamati del mondo.

Nato a Genova nel 1980, ha debuttato poco più che ventenne al Festival di Spoleto, iniziando una strepitosa carriera nel repertorio belcantistico e rossiniano.

A 23 anni ha cantato alla Scala nei Dialogues des Carmelites diretto dal Maestro Muti, vi è poi tornato regolarmente negli anni successivi. Ad oggi, Francesco Meli vanta ventidue diverse locandine al Teatro alla Scala. Dal 2009 ha abbandonato progressivamente i ruoli del belcanto a favore di quelli più lirici e nell’anno verdiano del 2013 ha cantato, diretto da Muti, in Simon Boccanegra, I due Foscari, Ernani e Nabucco. Da allora, ha cantato innumerevoli volte anche in Ballo in maschera, Il Trovatore, I due Foscari, Giovanna d’Arco, Don Carlo, Aida e Carmen. Ha inaugurato per tre volte la stagione della Scala e cantato nei concerti di apertura delle Olimpiadi a Torino e di Expo 2015 a Milano, entrambi trasmessi dalla RAI. È stato diretto, oltre che da Muti, da Riccardo Chailly, Daniele Gatti, Fabio Luisi, Lorin Maazel, Gianandrea Noseda e Yuri Temirkanov.

Nel febbraio 2020, quando il Teatro della Scala è stato chiuso per via della pandemia da corona virus, vi era impegnato con Il Trovatore, altro suo ruolo distintivo del quale avrebbe celebrato la cinquantesima recita proprio in occasione di una delle repliche di febbraio.

Tra gli impegni più recenti, Ballo in maschera e Requiem di Verdi al Maggio Musicale, ancora il Requiem con i complessi della Scala diretti da Chailly nei Duomi di Milano, Bergamo e Brescia. Nell’ottobre 2020 ha cantato nell’Aida in forma di concerto alla Scala, seguito da I due Foscari in forma di concerto all’Opéra de Monte-Carlo. Agli inizi del 2021 è stato Cavaradossi al New National Theatre Tokyo e a febbraio si è esibito in concerto al Teatro alla Scala diretto da Nicola Luisotti e nel Requiem di Verdi al Teatro Massino di Palermo diretto da Riccardo Muti.

GLI ALLIEVI DELL’ACCADEMIA DI ALTO PERFEZIONAMENTO E INSERIMENTO PROFESSIONALE PER CANTANTI LIRICI 2021

Francesco Auriemma (Dulcamara) Torre del Greco (NA) anno 1996
Alberto Bonifazio (Belcore) Genova anno 1992
Patricia Calvache (Adina) Cadiz (SPAGNA) anno 1997
Giulia Filippi (Giannetta) Genova anno 1996
Nico Franchini (Nemorino) Rutigliano (BA) anno 1992
Gabriella Ingenito (Giannetta) Trento anno 2002
Roberta Mancuso (Giannetta) Napoli anno 2000
Lorenzo Martelli (Nemorino) L’Aquila anno 1998
Claudia Muschio (Adina) Brescia anno 1995
Alessandra Rizzini (Adina) Brescia anno 1997
Davide Tuscano (Nemorino) Reggio Calabria anno 1994
Alexander Gabriel Wernick (Dulcamara) New Jersey (USA) anno 1992
Nicola Zambon (Belcore) Thiene (VI) anno 1998

Accademia 300
Il direttore artistico dell'Accademia Francesco Meli con gli allievi edizione 2020/2021