ME 05/01/2022 Ore 20:00 Biglietti non più disponibili
DO 02/01/2022 Ore 15:00 Biglietti non più disponibili
SA 01/01/2022 Ore 16:00 Biglietti non più disponibili
VE 31/12/2021 Ore 15:00 Biglietti non più disponibili
GI 30/12/2021 (Prima) Ore 20:00 Biglietti non più disponibili
Dove: Teatro Carlo Felice
Durata: 02:45:00 circa

Prima parte 50 minuti
Intervallo 25 minuti
Seconda parte 90 minuti

La vedova allegra

Una travolgente edizione della più amata e sfavillante principessa delle operette.

La vedova allegra
Operetta in tre parti di Franz Lehár

Libretto di Victor Léon e Leo Stein
dalla commedia L’Attaché d’ambassade di Henri Meilhac

Nuovo Allestimento del Teatro Carlo Felice
Prima assoluta della nuova traduzione italiana e adattamento drammaturgico di Luca Micheletti
Versione ritmica realizzata in collaborazione con Elisa Balbo

__________________________

LA LOCANDINA

Personaggi e interpreti

Hanna Glawari Elisa Balbo, Valentina Mastrangelo (1 gennaio)
Conte Danilo Danilowitsch Luca Micheletti/Michele Patti (1 gennaio)
Valencienne Francesca Benitez/Luisa Kurtz (1 gennaio)
Camille de Rossillon Pietro Adaíni/Emanuele D’Aguanno (1 gennaio)
Barone Mirko Zeta Filippo Morace
Njegus Ciro Masella/Valter Schiavone (1, 2 e 5 gennaio)
Visconte de Cascada Claudio Ottino
Raoul de St. Brioche Manuel Pierattelli
Kromow Giuseppe Palasciano, Fabrizio Angelini (5 gennaio)
Olga Maria Grazia Stante (30-31 dicembre)/Francesca Zaira Tripaldi
Bogdanowitsch Luigi Maria Barilone
Sylviane Kamelia Kader
Pritschitsch Alessandro Busi
Praskowia Letizia Bertoldi
Maître Chez Maxim Valter Schiavone/Francesco Martucci (1, 2 gennaio)/Tiziano Edini (5 gennaio)
Zozo Federica Sardella

Les Grisettes: Michela Delle Chiaie, Ginevra Grossi, Erika Mariniello, Marta Melchiorre, Matilde Pellegri, Monica Ruggeri
Danzatori: Cristian Catto, Giovanni Enani Di Tizio, Tiziano Edini, Robert Ediogu, Matteo Francia, Samuel Moretti, Andrea Spata

Maestro concertatore e direttore Asher Fisch/Giuseppe Finzi (5 gennaio)
Regia Luca Micheletti
Scene e Costumi Leila Fteita
Coreografo Fabrizio Angelini
Progetto Luci Luciano Novelli
Luci realizzate da Fabrizio Ballini

Orchestra, Coro e Tecnici del Teatro Carlo Felice

Maestro del Coro Francesco Aliberti

Direttore musicale di palcoscenico Giorgio Bruzzone, direttore allestimenti scenici Luciano Novelli, direttore di scena Alessandro Pastorino, vice direttore di scena Giorgio Agostini, maestri di sala Sirio Restani, Antonella Poli, altro maestro del coro Patrizia Priarone, maestri di palcoscenico Andrea Gastaldo, Anna Maria Pascarella, maestro alle luci Dina Pysarenko, responsabile movimentazione consolle Andrea Musenich, caporeparto macchinisti Gianni Cois, caporeparto elettricisti Angelo Pittaluga, caporeparto attrezzisti Tiziano Baradel, caporeparto audiovideo Valter Ivaldi, caporeparto sartoria, calzoleria,  trucco e parrucche Elena Pirino. 
Assistenti alla regia Francesco MartucciLuigi Maria Barilone, assistente a scene e costumi Laura Galmarini, assistente alla coreografia Marta Melchiorre, coordinatore trucco Raul Ivaldi, scene Laboratorio Leonardo, attrezzeria E. Rancati e Teatro Carlo Felice, costumi Compagnia Italiana della Moda e del Costume e Repertorio del Teatro Carlo Felice, calzature Epoca, parrucche Mario Audello (Torino), soprattitoli Prescott Studio.

__________________________

La  travolgente operetta di Franz Lehár,  trascina gli spettatori in una vicenda  dove gli equivoci, gli scambi di coppie, le rivelazioni si susseguono a  ritmo vorticoso.

La vedova allegra è ambientata in una Parigi scintillante presso l’Ambasciata del Pontevedro. La protagonista, Hanna Glawari è rimasta vedova del ricco banchiere di corte e l’ambasciatore pontevedrino, il Barone Mirko Zeta, riceve l’ordine di combinare un matrimonio tra Hanna e un compatriota in modo che la dote della ricca vedova resti nelle casse dello Stato. Il Barone Zeta, con la complicità del  Njegus, segretario un po’ pasticcione, tenta di risolvere la situazione, innescando una serie di equivoci che condurranno a un gioioso e scanzonato lieto fine, in cui tutti cantano la celebre aria “È scabroso le donne studiar!”.La versione proposta dal  Teatro Carlo Felice è una prima assoluta, con un nuovo allestimento del Teatro Carlo Felice e si avvale della regia di Luca Micheletti  autore tra l’altro della nuova traduzione e, assieme a Elisa Balbo, della nuova versione ritmica del libretto. Nelle sue note di regia, Luca Micheletti scrive: «Lo spettacolo si impernia su due assi portanti dalle molteplici declinazioni: da un lato, il tema del vorticoso girare su se stessi; dall’altro, quello del teatro come scintillante rifugio fuori dal mondo. Siamo in un universo in cui, innanzitutto, ogni cosa gira costantemente: una società-carillon che celebra se stessa nel rituale girotondo che Schnitzler elevò a simbolo dell’intero secolo dando alle stampe il suo Reigen proprio nel 1900.»